Martedì della III settimana di Quaresima

VANGELO   (Mt 18,21-35) Se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello, il Padre non vi perdonerà.
perdonare In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il  mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò  perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino  a sette volte, ma fino a settanta volte sette. Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i  conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli  fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui  non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui  con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito.  Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi  pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione  di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito. Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva  cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo:  “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo  pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non  volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato  il debito. Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e  andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone  fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho  condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche  tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”.  Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse  restituito tutto il dovuto. Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».

Commento

Pietro ritiene di entrare ampiamente nello spirito di Gesù perdonando sette volte. Anche i rabbini discutevano questa questione; partendo da Amos (2,4), da Giobbe (33,29) e dalla triplice preghiera di Giuseppe (Gen 50,17) pensavano che si potesse arrivare a perdonare fino a tre volte.
La risposta di Gesù è chiara. Rovesciando il canto di Lamech: “Sette volte sarà vendicato Caino, ma Lamech settanta volte sette” (Gen 4,24), Gesù svela le risorse insospettate di misericordia generate dall’avvento del regno dei cieli.
Davanti a Dio tutti siamo debitori insolvibili. La parabola di oggi ci insegna che il perdono di Dio è il motivo e la misura del perdono fraterno. Dobbiamo perdonare senza misura perché Dio ci ha perdonato senza misura. Il perdono ai fratelli è segno dell’efficacia del perdono di Dio in noi: se non perdoniamo, non abbiamo accolto realmente il perdono di Dio. Il servo è condannato perché tiene il perdono per sé e non permette che il suo perdono diventi gioia per gli altri. Bisogna imitare il comportamento di Dio (Mt 5,43-48).
Il fondamento del mio rapporto con l’altro è l’imitazione del rapporto che Dio ha con me. Gesù ha detto di amarci a vicenda come lui ha amato noi (Gv 13,34); e Paolo dice di graziarci l’un l’altro come il Padre ha graziato noi in Cristo (Ef 4,32).
La giustizia di Dio non è quella che ristabilisce la parità, secondo la regola: chi sbaglia, paga. E’ una giustizia superiore, propria di chi ama, che è sempre in debito verso tutti: all’avversario deve la riconciliazione, al piccolo l’accoglienza, allo smarrito la ricerca, al colpevole la correzione, al debitore il condono.
Diecimila era la cifra più grossa in lingua greca e il talento la misura più grande. Diecimila talenti è una cifra enorme. Il talento corrisponde a 36 kg di metallo prezioso. Diecimila talenti corrispondono a 360 tonnellate di oro o di argento. Un talento è pari a 6.000 giornate lavorative; 10.000 talenti è pari a 60.000.000 di stipendi quotidiani. Per pagare questo debito il servo dovrebbe lavorare circa 200.000 anni. La cifra esagerata è in realtà una pallida idea di ciò che Dio ci ha dato.
Cento danari corrispondono allo stipendio di cento giornate lavorative. Una cifra discreta, ma del tutto trascurabile rispetto al debito appena condonato di diecimila talenti.
Pensare al proprio debito condonato ci rende tolleranti verso gli altri e magnanimi. Perdonare è una questione di cuore: è ricordare l’amore che il Padre ha per me e per il fratello. 

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.