Vangelo del 06/05/2021

rimanete nel mio amore

Rimanete nel mio amore (Gv 15, 9-11)

L’amore del discepolo di Gesù per Gesù è amore per i comandamenti di Gesù, per la sua Parola. Non è amore che viene comandato dall’esterno. È amore di sola natura. Il cristiano realizza la sua natura, rimane natura cristiana, amando. È natura di Cristo, amando. Se non ama, non è più natura di Cristo. Se non è natura di Cristo, il comando diviene obbligazione esterna. Sono due nature e non più una sola natura. È un amore che non produce alcun frutto. È un amore attaccato, ma non frutto della natura.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 05/05/2021

io sono la vite voi i tralci

Senza di me non potete far nulla (Gv 15, 1-8)

Tutti i problemi dell’umanità si risolvono in Cristo, con Cristo, per Cristo. In Lui, con Lui, per Lui, prima di ogni cosa non si creano problemi agli uomini e neanche a noi stessi, perché usciamo dal regno del principe di questo mondo ed entriamo, viviamo da vero regno di Dio. Inoltre con Lui, in Lui, per Lui, da Lui, sappiamo sempre rimanere inchiodati sulla nostra croce, vinciamo Satana, superiamo il male da lui proposto come via di bene. Inoltre manifestiamo al mondo che è possibile essere vittoriosi in questo mondo. In Lui, con Lui, per Lui, possiamo vivere qualsiasi croce, sopportare qualsiasi dolore e sofferenza, abbracciare qualsiasi povertà e miseria. Anche la morte vinciamo in Lui, con Lui, per Lui, e ci apriamo le porte della gloriosa risurrezione.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 04/05/2021

crocefissione

Bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre. (Gv 14, 27-31)

Quanto Gesù ama il Padre? Fin dove giunge questo suo amore? Fino a farsi olocausto. Il Padre ha bisogno di un corpo per la redenzione dell’umanità e Gesù glielo offre, glielo dona. Non si tira indietro. Questo il mondo deve sapere, perché è questa la differenza tra Lui e tutti gli altri fondatori di religione. Gli altri il corpo lo hanno conservato per se stessi. Cristo lo dona al Padre. Lo ha dato al Padre, lo dona ogni giorno, perché ogni giorno il suo corpo mistico è dato al Padre per la redenzione dei suoi fratelli. Il vero adoratore di Dio non toglie la vita ai suoi fratelli per difendere la causa della sua religione. Dona invece la sua vita a Dio perché i suoi fratelli vivano nel corpo, nello spirito, nell’anima. La differenza c’è ed è infinita. Così Gesù ama.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 03/05/2021

Vangelo

Io sono nel Padre e il Padre è in me (Gv 14,6-14)

Dicendo Gesù che tutto a Lui è stato dato dal Padre suo, si deve intendere per tutto ogni grazia, ogni verità, ogni rivelazione, ogni mediazione, compreso l’ascolto della preghiera. Si prega in Cristo, con Cristo, per Cristo, il Padre ci ascolta. Non si prega in Cristo, con Lui, per Lui, il Padre non può ascoltarci. Gli manca la scala, è privo del mediatore. Ma come si prega in Cristo, con Cristo, per Cristo? Dimorando noi nella Parola, vivendo la Parola, vivendo per la Parola. Cristo e la sua Parola sono inseparabili in eterno. È in Cristo chi è nella sua Parola. Prega per Cristo, chi ha dato la vita alla Parola per l’annunzio e la testimonianza di essa. Si prega fuori della Parola, non si prega per Cristo, perché non si è in Cristo, non si è con Cristo. La Parola è la scala che ci fa entrare nel cuore di Cristo. Il cuore di Cristo è la scala che ci introduce nel cuore del Padre.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 02/05/2021

io sono la vite voi i tralci

Io sono la vite vera (Gv 15, 1-8)

Se una è la vite vera, se non vi sono altre viti vere piantate dal Signore sul suo colle santo, chi è il discepolo di Gesù davanti a Dio e al mondo? È tralcio di questa vite vera. Le conseguenze sono di essenza e non solo di moralità superficiale o estrinseca. Chi è inserito in Cristo, attraverso l’obbedienza alla sua Parola, produce frutti di vita eterna per sé e per il mondo. Chi è inserito in Cristo, ma non obbedisce alla sua parola, non solo non produce alcun frutto, viene il Padre e lo taglia come tralcio. Separato “naturalmente” dalla vera vite, secca e viene bruciato nel fuoco. Mentre il tralcio che produce, il Padre lo pota perché porti più frutto. L’obbedienza alla Parola produce frutti di Cristo in Cristo. L’unità di essenza con Cristo è la sola sorgente della vita.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 01/05/2021

fede

Da dove gli vengono questa sapienza e i prodigi? (Mt 13, 54-58)

Gesù è persona che può essere compresa solo in ambito di fede perfetta. La rivelazione di ieri, la storia di fede di ieri, se interpretate correttamente, senza alcuna influenza di pensieri umani, aprono la porta perché il cuore si apra a Gesù Signore. Se però ci si interroga sull’origine della sapienza o sulla potenza dei miracoli e si pensa che debbano provenire dagli uomini, allora la fede è assai carente. Lo stupore incredulo è sempre segno di una forte assenza di fede storica. È anche segno che molte idee della terra ormai governano la rivelazione fatta da Dio ai padri. Nessuno si meravigli. Questi ammanchi di fede sempre compaiono nella storia della rivelazione. Oggi, ad esempio, non assistiamo forse ad una fede su Cristo Gesù priva quasi del tutto della verità rivelata e anche dogmatica? Gesù da molti non è pensato, creduto, immaginato anche da cattolici praticanti come uno dei tanti nel planetario delle religioni? È questo il segno che è venuta meno la vera educazione alla fede.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 30/04/2021

io sono la via la verità e la vita

Io sono la via, la verità e la vita. (Gv 14, 1-6)

Dio e l’uomo di Dio devono essere un solo principio di fede, non due. Sono un solo principio di fede, se l’uomo di Dio è visto legato essenzialmente, vitalmente al suo Dio, come suo vero strumento. L’uomo di Dio deve essere visto come la mano rispetto al corpo. Come la mano e il corpo sono una cosa sola, così Dio e l’uomo di Dio devono essere visti una cosa sola. Sono visti una cosa sola se in verità sono una cosa sola.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 29/04/2021

ascolto

Così hai deciso nella tua benevolenza (Mt 11, 25-30)

La Chiesa esiste per questo: per illuminare il mondo con la luce di Cristo e per ristorarlo con la sua grazia e verità. Se Cristo da essa stessa è venduto, tradito, rinnegato, il mondo rimane senza speranza. Precipita nel baratro delle tenebre più fitte. Il rispetto delle altre religioni non significa il nostro disprezzo della Mediazione di Gesù.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 28/04/2021

conversione

Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva (Gv 12, 44-50)

Gesù chiude il suo insegnamento nel Discorso della Montagna dichiarando solennemente che Lui riconoscerà come suoi discepoli e accoglierà nel regno eterno del Padre solo coloro che avranno ascoltato le sue Parole e le avranno osservate, mettendole in pratica con perfetta e ininterrotta obbedienza. La salvezza eterna è dall’obbedienza alla sua Parola. Non vi sono sulla terra altre Parole di vita eterna.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Vangelo del 27/04/2021

parola

Le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste danno testimonianza di me.        (Gv 10,22-30)

Chi è di cuore puro, di buona volontà, di animo sereno, chi cerca veramente la verità la può trovare nelle opere da lui compiute. Sono queste che attestano per Lui. In fondo è sempre l’opera che manifesta il suo autore. L’opera è visibile e non si può negare. Sappiamo che i Giudei erano abili anche in questo. Attribuivano certe opere portentose di Gesù ai diavoli, a Satana, al principe di questo mondo, pur di non confessare che esse venivano da Dio. Tanto oppressiva è la potenza del male in un cuore.

Pubblicato in Generale, Pensieri per l'anima | Lascia un commento