ANNUNCIAZIONE DEL SIGNORE

VANGELO   (Lc 1,26-38) Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce.
AnnunciazioneIn quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della  Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo  della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.  Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con  te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un  saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai  trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla  luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio  dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e  regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco  uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la  potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che  nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta,  tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e  questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è  impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Commento

Nell’annunciazione di Giovanni Battista l’angelo Gabriele va al tempio di Gerusalemme. Nell’annunciazione di Gesù l’angelo va a Nazaret, territorio che era ritenuto pagano e trascurato da Dio, quella Galilea dalla quale “non era sorto alcun profeta” (Gv 7,52). Natanaele si chiede: “Può venire qualcosa di buono da Nazaret?” (Gv 1,46). Dio sceglie ciò che non ha appariscienza, ciò che è umile e disprezzato dagli uomini. La legge dell’incarnazione è questa: “Gesù annientò se stesso…umiliò se stesso” (Fil 2,7-8).
Ma a Gerusalemme, nel tempio, nel culto solenne, nel sacerdote che presiede la celebrazione Dio non trova la fede, cioè non trova amore, ubbidienza e accoglienza. A Nazaret invece, nella Galilea dei pagani, lontana dal tempio e dal culto, trova una fanciulla sconosciuta, la Maria, piena di grazia, di fede e di disponibilità.
Nell’Antico Testamento Dio abita nel tempio, nel Nuovo elegge la sua dimora tra gli uomini (Gv 1,14). Maria è il nuovo tempio, la nuova città santa, il popolo nuovo in mezzo al quale prende dimora Dio. Il nome di Gesù significa: Dio salva. “Jahvé, il tuo Dio, è dentro di te, potente salvatore” (Sof 3,17).
Il nome nuovo che Maria riceve: “Piena-di-grazia” è l’investitura per una particolare missione nel piano di Dio, destinata a modificare la sua vita e il corso intero della storia. L’espressione “il Signore è con te” indica la protezione e l’assistenza che Dio le accorda in vista del compito che è destinata ad assolvere.
Il turbamento di cui parla il vangelo (v. 29) indica la presenza di Dio e sottolinea l’origine divina della comunicazione che Maria riceve, ed è segno che le parole dell’angelo sono piene di mistero.
Maria cerca di capirne il significato ponendosi delle domande, ma inutilmente. Alla fine deve chiederne la spiegazione all’angelo. L’angelo dà la spiegazione di ciò che ha affermato nel saluto iniziale. La grazia accordata a Maria è la nascita miracolosa di un figlio. Dio attuerà il suo disegno intervenendo con la potenza del suo Spirito.
Le perplessità di Maria alle parole dell’angelo riecheggiano quelle di Abramo all’annuncio della nascita di suo figlio (Gen 18,14). La fede in Dio che può operare meraviglie e cose impossibili all’uomo, ha salvato dall’incredulità Abramo; la stessa fede salva Maria (v. 37).
“Servi di Dio” sono coloro che hanno ricevuto una missione particolarmente importante e contemporaneamente danno prova di disponibilità, di remissività e di fede. Sulla bocca di Maria l’espressione “serva del Signore” riassume la sua missione e il coraggio con cui ha accettato l’invito divino che dà un significato nuovo e inatteso alla sua vita.
“Serva del Signore” è il nome che ella stessa si attribuisce dopo quello datole dai genitori: Maria, e quello annunciatole dall’angelo: Piena-di-grazia. Maria è la serva del Signore perché accetta umilmente il disegno di Dio, anche se non riesce a comprenderne tutta la portata e tutte le conseguenze.
L’espressione “avvenga a me”, nel testo originale greco, è una forma verbale chiamata ottativo e contiene in sé un desiderio ardente e un entusiasmo vivo di vedere attuato quanto le è stato proposto. Maria ci insegna che la volontà di Dio va accolta con fede ed eseguita con gioia.

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.