Mercoledì della IV settimana di Quaresima

VANGELO   (Gv 5,17-30) Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi egli vuole.
imagesCAKDKLY0 In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «Il Padre mio agisce anche ora e  anch’io agisco». Per questo i Giudei cercavano ancor più di ucciderlo,  perché non soltanto violava il sabato, ma chiamava Dio suo Padre,  facendosi uguale a Dio. Gesù riprese a parlare e disse loro: «In verità, in verità io vi dico:  il Figlio da se stesso non può fare nulla, se non ciò che vede fare dal  Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa allo stesso modo. Il  Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli  manifesterà opere ancora più grandi di queste, perché voi ne siate  meravigliati. Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la  vita a chi egli vuole. Il Padre infatti non giudica nessuno, ma ha dato  ogni giudizio al Figlio, perché tutti onorino il Figlio come onorano il  Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato. In verità, in verità io vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a  colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al  giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. In verità, in verità io vi  dico: viene l’ora – ed è questa – in cui i morti udranno la voce del  Figlio di Dio e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno. Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso anche al  Figlio di avere la vita in se stesso, e gli ha dato il potere di  giudicare, perché è Figlio dell’uomo. Non meravigliatevi di questo:  viene l’ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua  voce e usciranno, quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e  quanti fecero il male per una risurrezione di condanna. Da me, io non posso fare nulla. Giudico secondo quello che ascolto e il  mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di  colui che mi ha mandato.

Commento

Per la tradizione rabbinica, solo Dio era dispensato dal riposo del sabato. Infatti, poiché l’uomo nasce e muore anche in giorno di sabato, Dio deve sempre dare la vita e giudicare. Egli, in questo giorno, non può rimanere inattivo, senza guidare la storia e il destino degli uomini, altrimenti il mondo avrebbe fine e sfuggirebbe al suo controllo. Questo è il senso della difesa che Gesù pronuncia davanti ai giudei: egli, come Figlio di Dio, ha gli stessi diritti divini del Padre. Va notato che il verbo operare è usato al presente e in senso assoluto sia per il Padre che per il Figlio, e indica uguaglianza e unica coordinazione nell’operare.
Circa la controversia sul sabato, dunque, Giovanni chiarisce che la discussione di Gesù non verte tanto sulla relatività della legge del riposo, ma sulla sua personale autorità, che è superiore all’osservanza del precetto. Egli intende far riscoprire il senso profondo e teologico del sabato, riproponendo il valore di Dio e della salvezza. Se Gesù opera in giorno di sabato è perché egli, che è Figlio di Dio, è in relazione col Padre e ne segue l’agire. Come il Padre è superiore al sabato e può lavorare anche in questo giorno, anzi può operare sempre, così Gesù, essendo uguale al Padre (v. 18), è padrone del sabato e può affermare: “Il Padre mio opera continuamente e anch’io opero” (v. 17). Per Gesù, dare la vita e la libertà interiore all’uomo, non è trasgredire il sabato, ma realizzarlo in pienezza secondo la volontà del Padre.
Gesù è il Figlio del Padre, l’inviato per la salvezza dell’uomo, colui che compie la stessa attività di Dio, incarnandone la volontà e il progetto. Essere con Gesù è essere con Dio. Agire contro Gesù è agire contro Dio.
Ascoltare la parola di Gesù e credere nel Padre sono due atteggiamenti religiosi che conducono l’uomo alla fede. Credere in Gesù e nel Padre vuol dire accettare il messaggio di Dio, il suo piano di salvezza per l’uomo; è possedere la vita eterna, perché per mezzo della parola del Figlio, l’uomo entra in comunione col Padre e, quindi, nella vita divina. La strada da seguire per giungere alla vita eterna è unica: dall’ascolto alla fede, e dalla fede alla vita.
Tutti gli uomini morti spiritualmente per il peccato sono in grado di udire la voce del Figlio di Dio, ma solo quelli che ascoltano, aprendosi alla dinamica della fede, possono entrare nella vita.
Oltre il potere di dare la vita, il Figlio dell’uomo ha nelle mani anche il potere del giudizio. Tutti, alla fine dei tempi, udranno la voce del giudice universale, e i morti, uscendo dalle loro tombe, riceveranno il premio o il castigo secondo le opere di bene o di male compiute. Coloro che avranno scelto il bene e l’amore, risorgeranno per la vita, coloro che avranno scelto il male e le tenebre, risorgeranno per la condanna. In questo giudizio Gesù avrà un solo criterio di valutazione: la volontà del Padre.

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.