Sabato della II settimana di Quaresima

VANGELO   (Lc 15,1-3.11-32) Questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita.
In quel tempo, si avvicinavano a lui tutti i pubblicani e i peccatori  per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui  accoglie i peccatori e mangia con loro». Ed egli disse loro questa  parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre,  dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le  sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte  le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio  vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel  paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.  Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella  regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto  saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli  dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre  hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da  mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te;  non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei  tuoi salariati”. Si alzò e tornò da suo padre. Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli  corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse:  “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di  essere chiamato tuo figlio”. Ma il padre disse ai servi: “Presto,  portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli  l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso,  ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era  morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E  cominciarono a far festa. Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a  casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che  cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo  padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e  salvo”. Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a  supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti  anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato  un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo  tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per  lui hai ammazzato il vitello grasso”. Gli rispose il padre: “Figlio, tu  sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e  rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita,  era perduto ed è stato ritrovato”».

Commento

Questa parabola rivela il centro del vangelo: Dio come Padre di tenerezza e di misericordia. Egli prova una gioia infinita quando vede tornare a casa il figlio da lontano, e invita tutti a gioire con lui.
Gesù fin dall’inizio mangia con i peccatori (cfr Lc 5,27-32). Ora invita anche i giusti. Attaccato da essi con cattiveria, li contrattacca con la sua bontà, perché vuole convertirli. Ma la loro conversione è più difficile di quella dei peccatori. Non vogliono accettare il comportamento di Dio Padre che ama gratuitamente e necessariamente tutti i suoi figli: la sua misericordia non è proporzionata ai meriti, ma alla miseria. I peccatori a causa della loro miseria sentono la necessità della misericordia. I giusti, che credono di essere privi di miseria, non accolgono la misericordia.
Questo brano è rivolto al giusto perché occupi il suo posto alla mensa del Padre: deve partecipare alla festa che egli fa per il proprio figlio perduto e ritrovato. Questa parabola non parla della conversione del peccatore alla giustizia, ma del giusto alla misericordia.
La grazia che Dio ha usato verso di noi, suoi nemici, deve rispecchiarsi nel nostro atteggiamento verso i nemici (cfr Lc 6,27-36) e verso i fratelli peccatori (cfr Lc 6,36-38). Il Padre non esclude dal suo cuore nessun figlio. Si esclude da lui solo chi esclude il fratello. Ma Gesù si preoccupa di ricuperare anche colui che, escludendo il fratello, si esclude dal Padre.
Nel mondo ci sono due categorie di persone: i peccatori e quelli che si credono giusti. I peccatori, ritenendosi senza diritti, hanno trovato il vero titolo per accostarsi a Dio. Egli infatti è pietà, tenerezza e grazia: per sua natura egli ama l’uomo non in proporzione dei suoi meriti, ma del suo bisogno.
I destinatari della parabola sono gli scribi e i farisei, che si credono giusti. Gesù li invita a convertirsi dalla propria giustizia che condanna i peccatori, alla misericordia del Padre che li giustifica. Mentre il peccatore sente il bisogno della misericordia di Dio, il giusto non la vuole né per sé né per gli altri, anzi, come Giona (4,9), si irrita grandemente con Dio perché usa misericordia.
La conversione è scoprire il volto di tenerezza del Padre, che Gesù ci rivela, volgersi dall’io a Dio, passare dalla delusione del proprio peccato, o dalla presunzione della propria giustizia, alla gioia di esser figli del Padre.
Radice del peccato è la cattiva opinione sul Padre: e questa opinione è comune ai due figli. Il più giovane, per liberarsi del Padre, si allontana da lui con le degradazioni della ribellione, della dimenticanza, dell’alienazione atea e del nihilismo. L’altro, per imbonirselo, diventa servile.
Ateismo e religione servile, dissolutezza e legalismo, nihilismo e vittimismo scaturiscono da un’unica fonte: la non conoscenza di Dio. Questi due figli, che rappresentano l’intera umanità, hanno un’idea sbagliata sul conto del Padre: lo ritengono un padre-padrone.
Questa parabola ha come primo intento di portare il fratello maggiore ad accettare che Dio è misericordia. Questa scoperta è una gioia immensa per il peccatore e una sconfitta mortale per il giusto. E’ la conversione dalla propria giustizia alla misericordia di Dio. La conversione consiste nel rivolgersi al Padre che è tutto rivolto a noi e nel fare esperienza del suo amore per tutti i suoi figli. Per questo il giusto deve accettare un Dio che ama i peccatori. Per accettare il Padre bisogna convertirsi al fratello.  

P. Lino Pedron

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.