Vangelo del 14/06/2020

Eucaristia

Chi mangia la mia carne e beve il mio san­gue rimane in me e io in lui. (Gv 6, 51-58)

La parola de­terminante: io in lui, lui in me. Questa è tutta la ricchezza del mistero: Cristo in voi! (Col 1,27). La ricchezza del mistero della fede è di una semplicità abbagliante: Cri­sto che vive in me, io che vivo in Lui. E­vento d’Incarnazione che continua: il Ver­bo di Dio che ha preso carne nel grembo di Maria, continua ostinato e infaticabi­le a incarnarsi in noi.
Dio in me: il mio cuore lo assorbe, lui as­sorbe il mio cuore, e diventiamo una co­sa sola, un’unica vocazione: diventare, nella vita, pezzo di pane buono per le per­sone che amo.

Questa voce è stata pubblicata in Generale, Pensieri per l'anima. Contrassegna il permalink.