Mercoledì della XIV settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

VANGELO   (Mt 10,1-7) Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele.
da chi andremo In quel tempo, chiamati a sé i suoi dodici discepoli, Gesù diede loro  potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e  ogni infermità. I nomi dei dodici apostoli sono: primo, Simone, chiamato Pietro, e  Andrea suo fratello; Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo  fratello; Filippo e Bartolomeo; Tommaso e Matteo il pubblicano; Giacomo,  figlio di Alfeo, e Taddeo; Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, colui  che poi lo tradì. Questi sono i Dodici che Gesù inviò, ordinando loro: «Non andate fra i  pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto  alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate,  dicendo che il regno dei cieli è vicino».

Commento

Dalla compassione per le folle, stanche e sfinite, nasce la chiamata dei dodici e la consegna della missione evangelica. Gesù ne sceglie dodici, tanti quante le tribù di Israele: nessuno deve restare privo dell’annuncio del Vangelo. L’evangelista riporta i nomi dei dodici apostoli. C’è di tutto tra loro. Ci sono nomi greci accanto a nomi giudaici; uomini provenienti dal nord e altri dal sud; semplici pescatori assieme a membri del partito rivoluzionario degli zeloti (Simone il Cananeo), seguaci del Battista (Giacomo e Giovanni) e pubblicani (Matteo). E’ un gruppo eterogeneo nel quale l’origine territoriale e la militanza ideologica passano in secondo ordine. Quel che conta è l’adesione a Gesù e l’obbedienza alla sua Parola; queste due dimensioni costituiscono la loro nuova identità. Non sono più riconosciuti e additati come il pubblicano, lo zelota, il pescatore, bensì come quelli che stanno con il Nazareno. Tutti, come accade con Simone, ricevono un nuovo nome, ossia una nuova missione e un nuovo potere. Non sono più come prima dell’incontro con Gesù, ripiegati sul loro lavoro. Da quel momento sono testimoni del Vangelo, di un sogno universale che non è il loro ma di Dio, e ricevono il potere di cambiare i cuori, di sconfiggere il male, di raccogliere i deboli, di amare i disperati, di affrettare il regno di Dio. E’ un potere reale, una vera forza di cambiamento, che non viene dal denaro, dalle borse, dalle tuniche, o dalle cose della terra: è il potere dell’amore senza limiti che viene dall’alto e che Gesù testimonia per primo. Questa prima missione evangelica è emblematica per ogni generazione cristiana: non c’è altra via per i discepoli di Gesù. Anche la nostra generazione è chiamata ad incamminarsi nel nuovo millennio vivendo alla lettera questa pagina evangelica.      

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.