Martedì della II settimana di Quaresima

VANGELO (Mt 23,1-12)
Dicono e non fanno.

In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:
«Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito.Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente.
Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo.
Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

Commento

Il Signore ci chiama oggi nella sua tenda, nella Beth Midrash della sua intimità. E lì, ad inginocchiarci ai piedi dell’unico Maestro, per ascoltare e imparare a vivere dell’unica cosa di cui abbiamo bisogno, la sua Parola di misericordia. Con la Quaresima la Chiesa ci invita per questo a digiunare dalla visibilità a tutti i costi, dal presenzialismo non-stop sui social networks; e a dare in elemosina quanto usiamo per apparire, alienarci e sfuggire l’amore autentico che ci inchioda alla Verità. Forse l’elemosina significa rinunciare a qualche impegno nel quale crediamo di essere imprescindibili, magari anche in parrocchia, per starcene accanto ai nostri figli e al nostro coniuge; a mettere tra parentesi le attività che tu hai scelto per essere protagonista, forse proprio quelle più pie e altruistiche, dove puoi essere “salutato” e riconosciuto da parroco e sacrestano. Non ti accorgi che stai “allungando i filatteri” per farti amare? No? credi di farlo con amore e dedizione? Allora rinunciaci, e riempi quel tempo con la preghiera davanti al Santissimo o con la Scrittura in mano, con il rosario o l’Ufficio Divino, e pensa che qualcun altro lo farà molto meglio di te…. Scendi dal palco, e chiuditi nella tenda, lì, ai piedi della Croce, l’autentica “cattedra di Mosè”. La cattedra che noi usurpiamo, infatti, è riservata al Messia, al Profeta inviato da Dio per salvarci. Solo accogliendo Gesù che viene ogni giorno per condurci con l’autorità della Parola compiuta in Lui, potremo partecipare della sua stessa autorità. Il Signore infatti ci attira a sé dalla Croce, dove il Maestro si è fatto Servo. Ci precede ogni giorno per sederci con Lui alla destra del Padre, ma occorre passare dalla Croce. Solo nella verità della nostra debolezza, laddove scopriamo di non avere più filatteri da allungare perché il cuore è ferito dal peccato, potremo aprirci alla misericordia di Dio, e sperimentare che Lui basta a colmare ogni nostro desiderio. Nell’intimità con Cristo è gestata la pienezza della libertà, e dall’unione con Lui nasce la gioia di poter amare gratuitamente. E questo vale innanzitutto per preti e suore, i soggetti più a rischio di contrarre il virus dell’ipocrisia. Scopriremo allora il cuore della Quaresima che, anche quest’anno, ci vuol condurre alla conversione autentica e interiore, a “dire” di meno perché abbiamo sempre “detto e non fatto”, “caricando” sulle spalle dei fratelli i pesi che non abbiamo neanche sfiorato. Padri e madri, preti e catechisti, abbiamo sulle spalle i lividi della Croce portata con Cristo? No? Allora ogni nostro “dire” è pura ipocrisia. Se hai schiantato la schiena di tuo figlio o di tua moglie con le tue leggi significa che non hai conosciuto Dio e il suo amore. Per questo la Quaresima ci invita a una rivoluzione autentica, altro che qualche cerotto spirituale! Convertirci significa “abbassarci” e scendere dalla cattedra dell’ipocrisia con cui offriamo ai figli e agli altri l’alibi per non ascoltarci; e camminare accanto a loro per divenire insieme discepoli dell’unico Maestro che dice e fa quello che dice: “figlio mio, sono una frana anche peggio di te, ma ho sperimentato che Dio è buono e fedele, e il poco di autentico che c’è in me è opera sua”. Inoltre, la Quaresima ci chiama seriamente a pregare nel segreto e…. a donarci nell’intimità al nostro coniuge. Ma dai, non dovrebbe essere un tempo di mortificazione? Appunto, mortifica i tuoi appetiti travestiti di pietà e conversione, digiuna “abbassandoti”  davanti all’altro e “servendolo” in ciò di cui lui ha bisogno; questo significa anche unirsi a tua moglie o a tuo marito nei momenti che, invece, vorresti riservare per te. Sì, perché se l’intimità che credi di avere con Cristo non ti porta alla stessa intimità con chi ti stato donato da Lui, è falsa. Allora, smetti di guidare tu e lascia che il Signore ti conduca alla sua Beth Midrash, la sua intimità autentica nella quale trovare bella e santa ogni altra intimità. E in Lui abbandonarci ad Abbà, all’unico Papà che ci fa padri nel Padre, perché figli nel Figlio, maestri sulla sua cattedra della Croce. 

Questa voce è stata pubblicata in Generale, Vangelo del giorno. Contrassegna il permalink.