Santa Teresa d’Avila

VANGELO (Lc 11,47-54)
Sarà chiesto conto del sangue di tutti i profeti: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa.

ascolto

In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite.Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione.
Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito».
Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

Commento

Il Vangelo riporta le due ultime invettive di Gesù, contro gli scribi. Costoro non contenti di imporre agli altri obblighi che essi non osservano, mantengono lo stesso atteggiamento di quelli che in tempi passati non ascoltarono i profeti e li uccisero. “Guai a voi che costruite i sepolcri dei profeti”. Sarebbe un onore costruire sepolcri a persone da venerare, ma in Gesù c’è dell’ironia. Se i loro padri hanno ucciso i profeti per non convertirsi, ora loro invece di essere testimoni della sapienza di Dio, portano a consumazione il mistero di iniquità come i loro padri, soffocando la Parola ascoltata. “Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli e ne uccideranno e ne perseguiteranno”. La sapienza di Dio da sempre sa di essere perseguitata e uccisa: è la sapienza della croce. “Guai a voi, dottori della legge che avete presa la chiave della scienza! Voi non siete entrati e l’avete impedito a quelli che volevano entrarvi”. La chiave è la conoscenza di quel Dio che è misericordia in Gesù, che ora si manifesta loro. Essi non ci sono entrati, perché hanno e danno l’immagine di un Dio senza misericordia. Perciò: “Sarà domandato conto del sangue dei profeti”. Questa espressione sottolinea come alla generazione di Gesù, verrà chiesto conto del sangue di tutti i giusti di tutti i tempi. Infatti il mistero del male si consuma nell’ora della sua passione. Questa è l’opera del Signore. “Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno”, voce che si fa voce nello Spirito di tutti i profeti, consegnati all’estrema testimonianza. Infatti la Divina Provvidenza dispose di non limitare la sua bontà al suo Figlio diletto, ma di espanderla per mezzo di lui a molte altre creature, perché lo adorassero e lo lodassero per l’eternità insieme a tutti i fratelli. Questa è la chiave che ci è stata riconsegnata.

Questa voce è stata pubblicata in Generale, Vangelo del giorno. Contrassegna il permalink.