Mercoledì della X settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

VANGELO   (Mt 5,17-19) Non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento.
amateviIn quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non  passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia  avvenuto. Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà  agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei  cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande  nel regno dei cieli».

Commento

I primi discepoli agli occhi degli Ebrei, apparivano evidentemente e frequentemente infedeli alla tradizione, ma l’accusa scaturiva da una loro colpevole incomprensione della novità di Cristo. Egli ha promulgato un comandamento nuovo, ha dettato e testimoniato l’amore fino al sacrificio della vita, ha stabilito una nuova e definitiva alleanza con il suo popolo, ha detto a tutti che per essere discepoli non basta dare un’ideale adesione alla sua dottrina, ma occorre metterla in pratica, anche quando ciò comporta l’interiore rinnegamento di se. In questo si realizza il compimento della legge, cos’ si realizza l’interiore liberazione dalla schiavitù della lettera per approdare alla giovinezza dello Spirito, così infine la religiosità diventa autentica e credibile. Gesù ribadisce ancora una volta che il compito del discepolo è quello di insegnare e mettere in pratica affinché la legge diventi per tutti un codice di vita, gioiosamente abbracciato nella certezza del conseguimento del vero bene. Egli non vuole che anche per i suoi si debba dire quello che ha dovuto affermare nei confronti dei capi religiosi del suo tempo: “mettete in pratica quello che dicono e non fate quello che fanno”.  

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.