Mercoledì della VIII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

VANGELO   (Mc 10,32-45) Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato.
servire In quel tempo, mentre erano sulla strada per salire a Gerusalemme, Gesù  camminava davanti ai discepoli ed essi erano sgomenti; coloro che lo  seguivano erano impauriti. Presi di nuovo in disparte i Dodici, si mise a dire loro quello che  stava per accadergli: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio  dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo  condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani, lo derideranno, gli  sputeranno addosso, lo flagelleranno e lo uccideranno, e dopo tre giorni  risorgerà». Gli si avvicinarono Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli:  «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli  disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero:  «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla  tua sinistra». Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il  calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono  battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il  calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono  battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o  alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è  stato preparato». Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e  Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che  coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su  di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi  vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere  il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo  infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria  vita in riscatto per molti».

 

Commento:

Gesù prende in disparte i suoi discepoli perché deve preannunciare loro gli eventi futuri che riguardano la sua persona: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell’uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani, lo derideranno, gli sputeranno addosso, lo flagelleranno e lo uccideranno, e dopo tre giorni risorgerà». È più che evidente che Gesù parla della sua passione morte e risurrezione. Pare però che i dodici non capiscano e non vogliono intendere quel linguaggio, tant’è vero che due di loro, Giacomo e Giovanni, si accostano al maestro per chiedere qualcosa che non ha nulla a vedere con l’annuncio che egli ha appena fatto: «Concedici di sedere nella tua gloria uno alla tua destra e uno alla tua sinistra». Tremendo contrasto! Viene da chiedersi come è possibile nutrire pensieri di gloria e aspirare ai primi posti mentre il maestro sta parlando di passione e di morte. Come è difficile per noi assimilare i pensieri di Dio, comprendere ed accettare i suoi progetti! Tuttavia Gesù non disattende la loro richiesta per quanto assurda possa sembrare, ma nella sua divina sapienza pone le condizioni inderogabili per raggiungere la vera grandezza e il posto che ci è riservato. «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato». Bere il calice amaro della sofferenza, essere disposti a subire il battesimo di sangue, cioè il martirio, seguire Cristo nella sua passione, queste sono le condizioni per poi sedere con Cristo nella sua gloria. Tutto ciò non ha però neanche la minima somiglianza con il potere umano e la gloria che sognano i due Apostoli ed è perciò anche ingiustificata l’invidia e lo sdegno che nasce nel cuore degli altri dieci. Anche loro hanno bisogno di una salutare istruzione che Gesù non manca di dare loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti». Questo è un messaggio che vale per tutti gli apostoli, vale per tutta la chiesa, vale soprattutto per coloro che dovranno assumere compiti di guida e dovranno essere i primi nel popolo santo di Dio. Non il potere, ma il servizio dovrà essere il proposito costante da vivere nella chiesa di Dio. 

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.