Fate tutto nel nome di Gesù

«Tutto ciò che fate, qualunque cosa sia, in parole e in opere; fate tutto nel nome di Gesù Cristo; sia che mangiate, sia che beviate, o che facciate qualche altra cosa, fate tutto a amore di Diogloria di Dio». Sono parole dell’apostolo che vengono praticate sufficientemente quando abbiamo l’abitudine della santissima carità, in forza della quale, anche se non abbiamo una precisa ed esplicita intenzione di compiere ogni azione per amore di Dio, tale intenzione è implicitamente contenuta nell’unione e comunione che abbiamo con Dio. Non c’è bisogno che un figlio che abita in casa e sotto la patria potestà dichiari che ciò che acquista appartiene a suo padre, perché appartenendo la sua stessa persona a suo padre, gli appartiene anche tutto ciò che ne dipende: similmente è sufficiente che siamo figli di Dio per amore, per rendere tutto ciò che facciamo finalizzato alla sua gloria. Quando un pittore tiene e guida la mano dell’apprendista, il tratto che ne risulta viene attribuito principalmente al pittore; perché, anche se l’apprendista ha contribuito col movimento della mano e l’applicazione del pennello, è anche vero che il maestro ha talmente unito per parte sua il proprio movimento a quello dell’apprendista che, influendo su di lui, gli viene particolarmente attribuito l’onore di ciò che è riuscito bene nel tratto, anche se non si omette di lodare l’apprendista per la docilità alla guida del maestro. Sono veramente eccellenti le azioni delle virtù quando l’amore divino imprime su di loro il suo santo movimento, ossia quando si attuano per amore!

San Francesco di Sales

Questa voce è stata pubblicata in Ricerca della Verità. Contrassegna il permalink.