VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO C)

VANGELO   (Gv 14,23-29) Lo Spirito Santo vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
gesù amaIn quel tempo, Gesù disse : «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi  verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non  osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del  Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il  Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi  insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto. Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a  voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi  rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me.  Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi  crediate».

Commento

Se uno mi ama, osserverà la mia parola.  Afferma­zione così importante da essere ribadita subito al negativo: chi non mi ama non osserva le mie parole, non rie­sce, non ce la può fare, non da solo.
Una limpida constatazione: solo se ami il Signore, allora e solo allora la sua Parola, il tuo desiderio e la tua volontà co­minciano a coincidere. Come si fa ad amare il Signore Gesù? L’amore verso di lui è un’emozione, un gesto, molti ge­sti di carità, molte preghiere o sacrifici? No. Amare comincia con una resa, con il lasciarsi amare. Dio non si merita, si accoglie.
Io sono un campo dove circo­la vento, cade pioggia di vita, scoccano dardi di sole. «Capi­sco che non posso fare affida­mento sui pochi centesimi di amore che soli mi apparten­gono, non bastano per quasi nulla. Nei momenti difficili, se non ci fossi tu, Padre saldo, Fi­glio tenero, Spirito vitale, cosa potrei comprare con le mie monetine?» (M. Marcolini).
Proprio come continua il Van­gelo oggi: e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Noi siamo il cielo di Dio, abitati da Dio intero, Padre Fi­glio e Spirito Santo. Un cielo trinitario è dentro di noi. Ci hanno spesso insegnato che l’incontro con il Signore era il premio per le nostre buone a­zioni. Il Vangelo però dice al­tro: se, come Zaccheo, ti lasci incontrare dal Signore, allora sarà lui a trasformarti in tutte le tue azioni.
Simone Weil usa questa deli­cata metafora: Le amiche del­la sposa non conoscono i se­greti della camera nuziale, ma quando vedono l’amica diver­sa, gloriosa di vita nuova, con il grembo che s’inarca come u­na vela, allora capiscono che a trasformarla è stato l’incontro d’amore. Ci è rivolta qui una delle parole più liberanti di Gesù: il centro della fede non è ciò che io faccio per Dio, ma ciò che Dio fa per me. Al cen­tro non stanno le mie azioni, buone o cattive, ma quelle di Dio, il Totalmente Altro che viene e mi rende altro.
Il primo posto nel Vangelo non spetta alla morale, ma alla fe­de, alla relazione affettuosa con Dio, allo stringersi a Lui come un bambino si stringe al petto della madre e non la vuol lasciare, perché per lui è vita.
Lo Spirito vi insegnerà ogni co­sa e vi ricorderà tutto quello che vi ho detto. Una affermazione colma di bellissimi significati profetici. Due verbi: Insegna­re e Ricordare. Sono i due poli entro cui soffia lo Spirito: la memoria cordiale dei grandi gesti di Gesù e l’apprendi­mento di nuove sillabe divine; le parole dette «in quei giorni» e le nuove conquiste della mente e dell’anima che lo Spi­rito induce. Colui che in prin­cipio covava le grandi acque e si librava sugli abissi, continua ancora a covare le menti e a li­brarsi, creatore, sugli abissi del cuore.  

P. Ermes Ronchi

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.