Sant’Atanasio

VANGELO   (Gv 15,9-11) Rimanete nel mio amore, perché la vostra gioia sia piena.
amore di Dio In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho  osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena».

 

Commento

Gesù confessa apertamente la natura del suo amore: “Come il Padre ha amato me, così anch’io ho amato voi.” Non si sente diminuito nel dire che il proprio voler bene è frutto di un amore più grande, come invece pensiamo noi. Accecati dalla necessità di apparire originali e di non dipendere da nessuno, ci vergogniamo ad ammettere che la nostra felicità dipende dall’amore di un altro più grande di noi. Da questa convinzione nasce l’invito a restare attaccati a lui, come tralci, come uomini e donne umili, cioè che si rendono conto che da soli si inaridiscono i sentimenti e si infiacchiscono le braccia, fino a divenire incapaci di preoccuparci e servire altro che noi stessi. Segno grande di quest’umiltà è saper gioire della gioia di chi ci sta accanto, come ci invita a fare il Signore con lui, è non poter essere felici se chi ci sta accanto è nel bisogno o nella tristezza, se è povero, affamato, nel dolore. La promessa di Gesù infatti è di una gioia piena, non di piccole, passeggere soddisfazioni individuali, e la otterremo tutta intera se sapremo osservare il comando dell’amore che il Signore ha indicato a quel giovane ricco che gli chiedeva la via per la vita eterna: “Se vuoi essere perfetto, và, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi.” 

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.