Pensiero per l’anima

L’amore divino è la pianta più delicata del giardino della nostra anima e può essere facilmente soffocata da piante più forti e tenaci, che in noi sono tutti quei sentimenti che gli sono contrari, perché non uniscono ma separano gli uomini, perché nascono dalla gelosia che presume il possesso e ostacola il dono.

P. Nello Casalini

Pubblicato in Pensieri per l'anima | Lascia un commento

La Divina Misericordia

Oggi la festa della Divina Misericordia celebriamo

con gioia Gesù Risorto ci prende per mano.

a tutti quelli che si riconoscon peccatori

che pentiti detestano gli errori

viene data una nuova possibilità

per giungere a una grande santità:

imitar in tutto la vita del Signore

formar con Lui un solo cuore. Continua a leggere

Pubblicato in Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Pensiero del giorno

L’amore divino è la pianta più delicata del giardino della nostra anima e può essere facilmente soffocata da piante più forti e tenaci, che in noi sono tutti quei sentimenti che gli sono contrari, perché non uniscono ma separano gli uomini, perché nascono dalla gelosia che presume il possesso e ostacola il dono.

P. Nello Casalini

Pubblicato in Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Chiedere l’elemosina

Tutti i frati si impegnino a seguire l’umiltà e la povertà del Signore nostro Gesù Cristo, e si ricordino che nient’altro ci è consentito di avere, di tutto il mondo, come dice l’apostolo, se non il cibo e le vesti, e di questi ci dobbiamo accontentare. Continua a leggere

Pubblicato in Scritti francescani | Lascia un commento

Pensiero del giorno

Dio è più amabile di ciò che noi siamo e al di sopra di tutto. Per questo deve essere cercato e amato per se stesso e non per nostro vantaggio. Ma, se è necessario, anche a nostro danno, affinché prevalga su tutto il suo spirito benefico e amico dell’uomo.

P. Nello Casalini

Pubblicato in Pensieri per l'anima | Lascia un commento

CONOSCERE IL MIO IO

Prima di amare bene Dio
devo conoscere il mio io.
In questo inizia la vera umiltà:
saper chi sono e gioir con umiltà.
Ciò che serve avere prima
è una giusta autostima.
Se ti guardi come ti vede Dio
alla tristezza puoi dire addio:
sarai meno orgoglioso,
dipendente dagli altri e permaloso.
Tutto può piacerti e tutto lasciarti indifferente:
il tuo umore non dipenderà dalla gente.
Se sei sicuro che di te il Signore è innamorato
mai più sarà il tuo cuore disperato.
Se il tuo cuore sarà prima per Gesù
sarai lieto di imitare le “Sue virtù”.

Suor Francesca Bordoni

Pubblicato in Diario | Lascia un commento

Giubilo per quelli che fanno penitenza

Tutti coloro che amano il Signore con tutto il cuore, tutta l’anima e la mente, con tutta la forza e amano i loro prossimi come se stessi, e hanno in odio i loro corpi con i loro vizi e peccati, e ricevono il corpo e il sangue del Signore nostro Gesù Cristo, e fanno frutti degni di penitenza. Oh, come sono beati e benedetti quelli e quelle, quando fanno tali cose e perseverano in esse; perché riposerà su di essi lo Spirito del Signore, e farà presso di loro la sua abitazione e dimora; e sono figli del Padre celeste del quale compiono le opere, e sono sposi, fratelli e madri del Signore nostro Gesù Cristo. Siamo sposi, quando l’anima fedele si unisce al Signore nostro Gesù Cristo per virtù di Spirito Santo. Siamo suoi fratelli quando facciamo la volontà del Padre che è nei cieli. Siamo madri, quando lo portiamo nel cuore e nel corpo nostro per mezzo del divino amore e della pura e sincera coscienza, lo generiamo attraverso le opere sante, che devono risplendere agli altri in esempio.

S. Francesco d’Assisi

 

Pubblicato in Scritti francescani | Lascia un commento

Pensiero del giorno

Dall’amore di Dio e dalla conoscenza della sua vita ci provengono tutti i beni che desideriamo più di ogni altra cosa e, per primo, l’amore da cui nascono comunione e comunicazione, simpatia e rispetto per ogni vivente.

Nello Casalini

Pubblicato in Pensieri per l'anima | Lascia un commento

Venerdì della XXVII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

VANGELO (Lc 11,15-26)
Se io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.

In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo.  Continua a leggere

Pubblicato in Generale | Lascia un commento

Giovedì della XXV settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

VANGELO (Lc 9,7-9)
Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?

In quel tempo, il tetràrca Erode sentì parlare di tutti questi avvenimenti e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risorto dai morti», altri: «È apparso Elìa», e altri ancora: «È risorto uno degli antichi profeti».
Ma Erode diceva: «Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?». E cercava di vederlo. Continua a leggere

Pubblicato in Generale | Lascia un commento